Ibrahim Sampou

 
 
Ho preso in mano il primo tamburo da bambino, con mio padre, Sanna Sampou, appartenente a una famiglia di musicisti, di suonatori di djembé da generazioni. Il tamburo che suono io oggi è ancora quello che mi ha dato mio padre. Ce l’ho da 24 anni, la pelle si è rotta tantissime volte e l’ho cambiata spesso, ma il tamburo è sempre quello. Mio papà è stato il mio unico maestro. E’ la musica che mi ha portato in Europa.[...]

Intervista a Ibrahim Sampou (musicista)

I Commenti sono chiusi