Il cinema albanese a Milano

Si è aperta a Milano la rassegna di cinema albanese organizzata dall’Associazione Illyricum e dal Centro culturale albanese con il patrocinio del Comune di Milano.

Programma della rassegna
Martedì 9 Ottobre 2012, Palazzo Morando, ore 21.00
Serata inaugurale e presentazione del film “Vdekja e Kalit” (La Morte del Cavallo), del regista Saimir Kumbaro

Mercoledì 10 Ottobre 2012, Palazzo Morando
Serata ANAGNOSTI
Serata dedicata all’opera cinematografica del grande regista albanese Dhimiter Anagnosti
Ore 19.00 – Presentazione del film “Perralle nga e Kaluara” (Favola dal Passato), Albania, 1987
Ore 21.00 – Presentazione del film “Gjoleka djali i Abazit” (“Padre e Padrino”), Albania, 2007

Giovedì 11 Ottobre 2012, Palazzo Morando
Ore 19.00 – Presentazione del film documentario “La Montagna di Nietzsche. In
Viaggio con Gianni Vattimo”, Torino, 2011, del regista albanese Erion Kadilli
Ore 21.00 – Presentazione del film “Slogans”, Albania, 2003, del regista albanese
Gjergj Xhuvani

Giovedì 11 Ottobre 2012, presso l’Università Bicocca (U6) si terrà una tavola rotonda alla quale tra gli ospiti sarà presente il giovane regista Erion Kadilli, autore deldocumentario “Sono stato dio in Bosnia. Vita di un mercenario (2010, 80′)” ispirato al libro La guerra in casa, di Luca Rastello; e del film “Primavera in Kosovo” girato nei giorni in cui il piccolo paese balcanico dichiarava una controversa indipendenza dalla Serbia.

Nella rassegna a Palazzo Morando Kadilli propone la sua ultima produzione: “La montagna di Nietzsche, viaggio con Gianni Vattimo”, in cui il giovane regista e l’anziano filosofo si accompagnano in un percorso di formazione e amicizia attraverso il Montenegro.

Durante l’incontro in Università, invece, verrà proiettata una parte del suo documentario sull’immaginario cinematografico relativo all’Albania.  Da oltre novanta film il regista ha selezionato scene e fotogrammi nei quali vengono narrati o ripresi  tratti culturali reali o solo attribuiti all’Albania e al suo popolo.

Tra esotismo e stereotipi ne emerge una narrazione cinematografica  dell’Albania realizzata  da registi di diversi paesi tra il 1950 e i giorni nostri.

Scarica qui la locandina dell’incontro.

I Commenti sono chiusi