Corso di Pedagogia Interculturale – Prof.ssa M. Giusti

a.a. 2014-15

Laboratorio a cura di Chiara Lugarini

Esercitazioni proposte
1) Lavoro individuale Leggere le pagine 75-86 (Dallari, “Arte visiva: il diritto di imparare a vedere”).
a) Che cosa significa la frase “I linguaggi non servono solo a comunicare, ma anche a pensare e a costruire rappresentazioni del mondo e di sé (pag 75)? Siete d’accordo con l’affermazione per cui “scambiare racconti e pensieri è anche il miglior modo di imparare a vedere”? (pag 86). A partire da queste due considerazioni, dopo la lettura del testo di Dallari, scegliere un’immagine significativa che racconti qualcosa di personale, che dica cioè qualcosa della propria identità e accompagnarla con una breve narrazione che aiuti a comprenderne il significato o i significati che le vengono attribuiti.
Invece che utilizzare il testo scritto per accompagnare l’immagine è possibile per chi lo vuole realizzare un audio (salvare in mp3/mp4). Lo stile della narrazione, così come l’immagine, sono scelti liberamente da ciascuno.

2) Lavoro individuale Scegliere uno dei due laboratori (Entrare nei quadri pp.87-95/Radioweb pp. 239-250)
a) Completare la scheda di analisi e sintesi proposta che sarà inviata successivamente sulla piattaforma

3) Lavoro a piccoli gruppi (max 8 persone). I luoghi crocevia di culture
a) Ricerca informazioni sul contesto in cui è inserito il luogo che si intende osservare
b) Osservazione e ascolto di un luogo secondo una traccia predisposta che sarà inviata successivamente sulla piattaforma
c) Produzione di una narrazione (audio, video, con immagini, solo testo, ecc.) che riporti quanto emerso da a) e b)

***Per il gruppo di ricerca sulla zona 9, il punto 3 dovrà necessariamente essere svolto in relazione alla zona.
***Per tutti: vi invito ad andare a visitare il blog www.melisandra.org/laboratori dove potrete trovare documenti (testi, audio, video) sulle tematiche oggetto del corso e del laboratorio. Il blog raccoglie racconti, narrazioni, osservazioni, testimonianze e offre esempi di come si possano “guardare” aspetti del quotidiano da più punti di vista e di come i linguaggi diversi possano dare voce.

Esplorate anche le sezioni degli anni accademici passati perché potreste trovare spunti interessanti anche per il vostro lavoro. Se volete potete lasciare un commento in qualunque sezione. È sufficiente iscriversi.

Come procedere?
Vi suggerisco di svolgere le attività in sequenza anche se certamente potete leggere il testo di Dallari e poi subito uno dei due laboratori, così come potete cominciare a pensare ad un luogo da andare a osservare (attività n.3). L’importante è che le attività 1 e 2 precedano l’osservazione vera e propria del luogo, in modo che possiate appropriarvi dei concetti e degli strumenti utili per l’osservazione. Troverete le schede citate ai punti 2 e 3 sulla piattaforma docebo dell’Università. Nel Forum vi dirò precisamente dove.
Sempre via Forum con un Avviso vi darò a breve indicazione di dove depositare/mandare i vostri lavori.
Per la formazione dei gruppi (max 8 persone) siete autonomi, ma l’indicazione che do è in ciascun gruppo ci sia qualcuno che ha analizzato il laboratorio sull’arte e qualcuno che ha lavorato invece sulla radio. Chi sceglie di lavorare su Entrare nei quadri affinerà la sua comprensione del concetto di “vedere” e “percepire”; chi lavorerà sul laboratorio Radioweb potrà cogliere aspetti utili alla narazione ed è quindi utile che il gruppo sia misto.

Tempi:
Esercitazione 1: entro il 10 di novembre
Esercitazione 2: entro il 15 di novembre
Esercitazione 3: entro il 28 di novembre