Archivi per la categoria ‘Etichette’

Gli Italiani

“I rom”

Parole, concetti che rimandano ad elementi positivi

1 gruppo: nomadismo    musica     roulotte   giostre    feste   senso di comunità    tradizione    gispy-traveller

2 gruppo: nomadi      artisti di strada    lunapark     famiglia allargata    senso delle loro radici

3 gruppo: nomadismo     famiglia allargata   coesione sociale    mistero    lunapark   roulotte    musica  allegria   identità

Parole, concetti che rimandano ad elementi negativi

1 gruppo:  “zingari”     sporcizia   baraccopoli   rubano   elemosina   coesione famigliare    grosse macchine   giostre   oro    vicinanza alle stazioni   rubano i bambini   “ipocrisia sul benessere”      finzione     vittimismo    senso di comunità      sfruttamento

2 gruppo: nomadi     i  bambini sono trascurati  e fatti lavorare    poveri    sono senza radici    sono emarginati    sono guardati con sospetto

3 gruppo: nomadismo    sporcizia   mal vestiti    mercedes rubate   povertà    “rubano i bambini”   sgomberi    pigrizia    clan   elemosina    “libertini”   ladri    poco istruiti    accampamenti

Commento

Dal confronto interno al gruppo ci siamo resi conto che la maggior parte degli elementi sono negativi. Ci siamo rese conto che i nostri pensieri sono comuni e che sono presenti in tutte noi soprattutto a causa dell’influenza dei media, della nostra cultura e di esperienze personali vissute. Ci siamo però rese conto anche che non conosciamo la cultura rom e che questo ci porta a parlarne “superficialmente”.

Lo stesso viene detto anche dagli altri.

I termini sono largamente condivisi e utilizzati da tutti.

“I Rumeni”

Parole, concetti che rimandano ad elementi positivi

1gruppo: badanti    infermieri    giostrai   musica   vestiti (gonne lunghe e ampie)

2 gruppo: badanti disponibili     famiglia allargata   fisarmonica     tradizioni    balli   buoni lavoratori (camionisti  muratori)

3 gruppo: accoglienza    signore delle pulizie   badanti    accettano lavori duri   grande senso del lavoro    umilità     capelli chiari

Parole, concetti che rimandano ad elementi negativi

1gruppo: rubare    elemosina    violenza    accampamenti di nomadi    scarsa igiene   rom

2gruppo: violenti   ubriaconi   prostitute

3 gruppo: violenza    violenza sessuale    signore delle pulizie e badanti     prostituzione    povertà    elemosina

Commento

1 gruppo     Dalla discussione del gruppo è emerso che numerosi aggettivi che associamo a questo popolo ci vengono dettati dalla società in cui viviamo che ci condiziona e, sentendoci molto lontani, diversi, valutiamo alcuni comportamenti per loro naturali come negativi. Ci siamo resi conto che spesso lo straniero è considerato portatore di violenza e che la responsabilità del singolo viene spesso generalizzata e portata a livello del gruppo. L’eccessiva attenzione ai lati negativi non ci consente di conoscere a fondo questo gruppo nè di conoscere le caratteristiche positive.

2 gruppo    Tra le parole emerse la maggior parte sono positive anche se in realtà ci sono venute in mente prima quelle negative. Le prime parole che ci saltano in mente rispecchiano stereotipi e pregiudizi largamente diffusi.

3 gruppo    Sono numerosi i pregiudizi che non si riferiscono ad ogni singolo individuo considerato nella sua unicità ma che si estendono all’intera popolazione connotandola negativamente.

“Donne dell’Est”

Parole ed espressioni che rimandano a stereotipi ed immagini positive

1 gruppo: badanti    donne delle pulizie     sostenitrici della famiglia     bionde con gli occhi azzurri      giovani

2 gruppo: badanti    belle donne

3 gruppo: badanti    movimento femminista    rigore delle tradizioni (associato però all’est asiatico)

Parole ed espressioni che rimandano a stereotipi ed immagini negative

1 gruppo:  ladre     zingare     prostitute

2 gruppo:  prostitute     disponibili sessualmente    appariscenti    si sposano per convenienza     povertà     soggette a sfruttamento

3 gruppo: prostituzione     non parità dei sessi e inferiorità delle donne     matrimoni combinati     mancato riconoscimento dei titoli professionali

Commento

Queste parole vengono utilizzate e proposte soprattutto dai media, dai siti internet dedicati alle donne dell’est e si ritrovano anche nelle discussioni su internet  di alcuni uomini interessati a esperienze sessuali.

E’ stato molto difficile trovare concetti, parole, riconoscere i pregiudizi possibili su questo gruppo di persone. Il maggior preconcetto riguarda il coinvolgimento nella  prostituzione e in tutto ciò che vi è di attinente. Ci siamo rese conto di non conoscere la realtà delle “donne dell’est” perché non ci viene trasmessa o raccontata da nessuno.

Alcuni pregiudizi  e stereotipi risultano “naturali”, bisognerebbe quindi fare un lavoro di decostruzione per renderci conto di quanto siano presenti.

I “senza tetto”

Parole che rimandano a qualcosa percepito come positivo

1 gruppo: libertà, scelta, coraggio, viaggio

2 gruppo: scelta, esperienza, semplicità, viaggio, solidarietà, caritas

Parole che rimandano a qualcosa percepito come negativo

1 gruppo: povertà, solitudine, freddo, prepotenti, sporcizia, emarginazione, fame, abbandono, furti, barbone, cartoni, pericolo, paura reciproca, stazione, fuoco, vuoto

2 gruppo: stazione, poveri, barboni, nomadi, terremotati, mancanza di igiene, solitudine

Commento

1 gruppo      Gli stereotipi emersi erano soprattutto di valore negativo, per trovare quelli positivi abbiamo dovuto riflettere in un secondo momento. Ci siamo accorte che abbiamo numerosi stereotipi, ma, riflettendo, siamo arrivati a pensare che comunque nessuno di questi ci fa sentire superiori o migliori dei “senza tetto”.

2 gruppo     Il termine “senza casa” o “senza tetto” è molto usato e le parole emerse le condividiamo e le utilizziamo solo in determinate situazioni.

Migranti che arrivano a Lampedusa

Pensando ai migranti che arrivano a Lampedusa il gruppo di studenti ha cominciato con il creare una sorta di mappa con le parole/associazioni che emergevano. In rosso quelle in qualche modo legate ad aspetti considerati positivi; in blu quelle legate ad aspetti ritenuti negativi; in nero quelle intermedie.

1 gruppo: difficoltà di integrazione, gommoni, stranieri, luoghi di provenienza, incidenti, difficoltà, fuga, bambini/donne, lavoro e condizioni di vita, guerra, delusioni del luogo, seconda possibilità, condizioni debilitanti del viaggio.

2 gruppo:  mancanza di igiene, fame e sete, guerra, viaggio, speranza, centri di accoglienza, povertà, disperazione, libertà, morti, disgregazione familiare, dispersi, gommone, isolani, Unione Europea.

Commento del gruppo al lavoro

1 gruppo    Pensando al tema proposto sono emerse alcune considerazioni. In generale non sono emerse considerazioni negative  in quanto, secondo noi, queste persone emigrano in cerca di una seconda chance. Abbiamo avuto difficoltà ad attribuire un valore positivo o negativo ad alcuni termini in quanto variabili a seconda delle situazioni.  Abbiamo sperimentato quanto sia difficile immedesimarci in questo gruppo di persone e  nel loro vissuto che conosciamo solo attraverso i mass-media o da temi affrontati in università.

2 gruppo     I concetti, i termini sono emersi principalmente grazie ai mezzi di informazione e di comunicazione: telegiornali, radio, giornali. E’ capitato di affrontare questa tematica e quindi di utilizzare questi termini in momenti educativi, ad es. in università.

“Gli uomini musulmani” e “gli arabi”

Parole e concetti emersi dal gruppo

Con valore positivo

Orgogliosi     Mercanti     Kebab     Grandi lavoratori     Solidarietà     Musicalità e tono della lingua molto alto     Ospitali e cordiali

Con valore negativo

Possessivi   Autoritari    Chiusi     Poca considerazione della donna   Potere del marito     Sguardo fastidioso      Kamikaze e terroristi  (associati a “gli arabi”)

Relativi

Bigami       Orgoglio/Fanatismo       Devoti/religiosi/Fanatismo religioso      Forti legami di parentela e condizionamento    Tradizionalisti/Chiusi

Commento al lavoro

Gli aspetti positivi non vengono trattati dai media, ma emergono quando ci si confronta con le diverse esperienze. Gli aspetti negativi sono spesso stereotipi…Nel dibattito del gruppo è emersa difficoltà ad assegnare queste parole all’”uomo musulmano” in quanto abbiamo diverse esperienze e pensieri.

Le donne musulmane e quelle con il velo

Donne con il velo

Parole che rimandano a stereotipi positivi

1 gruppo:  brave a cucinare (il couscous)    ballano la danza del ventre        molto religiose       dedite alla famiglia

2 gruppo: circondate da tanti bambini      spesso in gravidanza     mai da sole       straniere

Parole che rimandano a stereotipi negativi

1 gruppo:  succubi dei mariti      anonime      chiuse di mentalità     molto religiose

2 gruppo:  portano il burqua     sono sottomesse     non possono uscire da sole senza il marito

Commento

Gruppo 1

Abbiamo notato che i componenti del gruppo, pur non conoscendosi, hanno gli stessi stereotipi, probabile conferma di quanto questi siano radicati nella nostra cultura e quotidianità. I termini indicati emergono solitamente nei luoghi pubblici (mare, parco, mercato) e dalla Tv.

Gruppo 2

Non ci è stato difficile trovare parole/associazioni in quanto ognuna di noi ha avuto a che fare in modo diretto o indiretto  con alcune donne musulmane. E’ stato difficile attribuire però il valore negativo/positivo perché molto spesso le nostre esperienze e la nostra conoscenza di donne musulmane andavano in direzione opposta agli stereotipi più diffusi e condivisi che ci sono venuti in mente.

Donne musulmane

Parole in libertà sugli Omosessuali

Parole/concetti emersi da due  gruppi
Con valore positivo

Unione   Sensibilità    Sono amichevoli    Tenerezza      Gusto estetico e interesse per la moda    Discriminazione    Ostentazione (se la persona lo fa per sentirsi bene con se stessa)     Coraggio    Discrezione (se caratteristica della persona)      Libertà di pensiero e di espressione     Capacità di vivere il “loro essere” senza farsi condizionare    “Se belli, peccato per le donne”

Valore negativo

Discriminazione    Discrezione (se è per mascherare la propria omosessualità)      Vivere male il loro essere     Non avere diritti    Femminilità      Fisicità    Matrimoni di facciata    Esibizionismo    Contro natura     Malattie    Non formano una famiglia tradizionale

Parola con valore neutro fragilità

Commento

L’argomento omosessualità non emerge abitualmente nelle conversazioni a meno che non venga stimolato dalla visione di film/telefilm o da programmi di discussione che lo affrontano. Molte delle parole emerse vengono utilizzate da tutti i membri del gruppo di lavoro ma in situazioni specifiche.